EduCare – Convegno finale, Viterbo 4 ottobre 2014

EduCare – Convegno finale, Viterbo 4 ottobre 2014

Il 4 ottobre è stata organizzata la conferenza finale del progetto EduCare (Education for Care), finanziato dal programma Grundtvig dell’Lifelong Leraning Programme nel 2012 e realizzato nel 2013 e 2014.

Il titolo del convegno ‘Assistenti anziani in una società che sta cambiando: la percezione sociale e le nuove competenze’ richiama gli obiettivi del progetto: sostenere l’invecchiamento attivo attraverso percorsi di sviluppo e conching per gli assistenti familiari.

Il convegno é stato organizzato dall’Universitá della Tuscia ( coordinatore del progetto) con la collaborazione di tre università europee (Kielce-Polonia, Valencia-Spagna, Cluj Napoca-Romania).

Il progetto Edu.Care mira a sviluppare un modello innovativo di formazione per adulti destinati ad una professione, che sta diventando la principale forma di assistenza per gli anziani, soprattutto in Italia, ma anche in altri paesi europei (Spagna, Polonia e Romania): il caregiver, in italiano l’assistente familiare.

L’obiettivo centrale di questo progetto pilota di formazione è stato trasferire conoscenze e sviluppare competenze per i caregiver in Europa, in modo da:

• cambiare la percezione negativa dei caregiver di anziani,

• incrementare la consapevolezza del ruolo per gli stessi caregivers,

• rivedere il loro ruolo,

• sostenee l’invecchiamento attivo.

Le skills richieste per il caegiver? Supportare il benessere fisico, sostenere la socialità, stimolare cognitivamente, definire una relazione d’aiuto, ma anche lavorare per l’integrazione culturale, puntare sulla rete e acquisire web skills.

Il ruolo dell’assistente é di crescente importanza per la società considerando la composizione demografica della nostra popolazione ma anche di come si sta modificando la composizione della popolazione europea.

lI carattere innovativo del progetto Edu.Care risiede nell’aver progettato un modello di formazione articolato in formazione d’aula, coaching, tutoring, formazione web based.  In particolare, Edu.Care evidenzia il coaching come attività chiave, dando così peso alle capacità di comunicazione interpersonale e di gestione della differenza generazione e cultuale, alterando la corrente disposizioni dei moduli standard nazionali.

L’invecchiamento attivo richiede nuovi assistenti qualificati con qualità personali avanzate e abilità e richiede figure di riferimento in grado di supportare la famiglia con assistenza qualificata. Ma soprattutto per cambiare la prospettiva sul ruolo degli anziani è necessario prima cambiare il nostro modo di pensare.

http://www.educareproject.eu/index.php/it/