Festival dell’apprendimento

Festival dell’apprendimento

Apprendimento all’epoca del web 2.0

L’Associazione Italiana Formatori ha promosso dal 3 al 6 ottobre, a Padova, la realizzazione della prima edizione del Festival dell’Apprendimento.

Quattro giorni di contenuti di altissimo profilo. Conferenze, lectio, workshop, cantieri, spettacoli … rivolti a un ampio pubblico e finalizzati a indagare, attraverso diversi linguaggi, i meccanismi dei processi di apprendimento a supporto dello sviluppo della persona e delle comunità. Eventi caratterizzati da format aperti e inclusivi dove le nuove tecnologie fungono da mezzo facilitatore e non da fine.

In questo calendario intenso il 5 ottobre ė stato organizzato il seminario “Apprendimento all’epoca del web 2.0″. Nella splendida Sala  Rossini del Caffè Pedrocchi Vindice Deplano e Roberto Vardisio hanno ragionato sulle frontiere della formazione e sulla relazione tra apprendimento e nuove tecnologie.

Da circa vent’anni, considerando le origine di Internet, le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione stanno di fatto modificando alcuni dei processi cognitivi che sono alla base del nostro adattamento all’ambiente.

Le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione influenzano il nostro modo di raccogliere e analizzare le informazioni, di condividerle con gli altri e di relazionarci ad essi, di esprimere giudizi e prendere decisioni. Nell’utilizzo di questo genere di tecnologie è insito, dunque, quello che potremo definire un elevato potenziale di apprendimento, che peraltro è facile cogliere nei cambiamenti a livello sociale, culturale ed economico a cui quotidianamente assistiamo. Quali sono gli approcci che si utilizzano per progettare la formazione? Quali gli strumenti didattici (web 2.0, serious games, realtà aumentata, spazi collaborativi, …) che rappresentano contemporaneamente un’evoluzione e una discontinuità rispetto alle tradizionali soluzioni didattiche basate sull’information technology? Quali le esperienze significative? Questi alcuni degli interrogativi rivolti ai relatori per esplorare il contributo che le tecnologie possono dare alla formazione.

Autore: Giusi Miccoli