Formazione one to one e counseling

Formazione one to one e counseling

Il counseling è un processo che coinvolge un “cliente” e un “counselor”, aiutando le persone a risolvere e gestire problemi e a prendere decisioni, attraverso il dialogo e l’interazione. Il cliente è un soggetto che sente il bisogno di essere aiutato, il counselor è una persona esperta, imparziale, non legata al cliente, addestrata all’ascolto, al supporto, alla guida. Un counseling efficace consiste in un rapporto flessibile, ma ben strutturato, che permette al soggetto di raggiungere un grado di autocomprensione tale da consentirgli di adottare provvedimenti positivi alla luce di un suo nuovo orientamento.

Con il termine di counselling perciò ci si riferisce ad una forma della “relazione di aiuto” che si colloca a ponte tra un intervento più professionalizzato di psicoterapia ed un intervento di generico “supporto” psicologico.

In due differenti libri, insieme ai colleghi Fernando Dell’Agli, Pierluigi Ventura, Andrea Moschino,  ho avuto modo di approfondire cosa è il counseling:

“Il counseling”, in M.I. Giangiacomo (a cura di), Formazioni one to one. Indagine sulle pratiche di auto-tras-formazione della persona, Franco Angeli, Milano 201

“Il counseling: una pratica per l’interculturalità”, in G. Spagnuolo, Intercultura e Internazionalizzazione. Pratiche di successo per la formazione, Franco Angeli, Milano 2013

Le diverse definizioni che si trovano nella letteratura, sia italiana che straniera, convergono nel riferirsi al counseling  come ad una pratica che mira ad attivare – nella persona che ha bisogno di supporto psicologico in situazioni di disorientamento e di disagio – le risorse interne a sua disposizione, in grado di far superare la situazione di difficoltà in cui si trova. Il termine counseling deriva dal verbo inglese to counsel, che nasce a sua volta dal verbo latino consulo-ĕre, tradotto in “consolare”, “confortare”, “venire in aiuto”. Un altro verbo latino utilizzato per chiarire il significato di counseling è consulto-āre, che significa “consigliarsi”, “deliberare”, “riflettere”.  Si utilizza prevalentemente il termine Counseling, rispetto al termine Counselling, secondo l’inglese britannico, che viene riportato rispettando la scelta dei vari autori ed esperti citati.

Autore: Giusi Miccoli