I nuovi scenari del lavoro, tra complessità ed incertezze

Una settimana fa veniva a mancare il sociologo Luciano Gallino, che ha contribuito significativamente a comprendere le dinamiche del mercato del lavoro e più in generale ad istituzionalizzare la sociologia. Nel 2002 ho avuto l’opportunità di intervistarlo per la rivista “Elementi” di GSE (Gestore dei Servizi Elettrici) su temi quali: la globalizzazione, la “frattura digitale”, il mercato del lavoro, la flessibilità. A questo link è possibile leggere l’intervista integrale: http://issuu.com/gsedocs/docs/elementi_3/35?e=0

Politiche del lavoro e politiche sociali: guardare al futuro

This paper aims to talk about an innovative model of training for adults intended for a profession, that is becoming the main form of assistance for the elderly, especially in Italy but also in other European countries (Spain, Poland and Romania): the elderly carer. The world is undergoing deep social changes: the unprecedented ageing of the populations of almost all developed and developing countries, the birth of new professions, to meet the new social scenarios, an ever-increasing spread of information technology in several sectors of society, especially in education and training. These transformations have established themselves as questions, to which all countries, policy makers and stakeholders must give answers, focusing their actions and policies...

Urgono politiche per lavoro, istruzione, educazione e cultura

Urgono politiche per lavoro, istruzione, educazione e cultura

Intervista a Innocenzo Cipolletta, economista e dirigente d’azienda   Ha sostenuto che c’è un atteggiamento tipico della nostra epoca che ci spinge ad essere ottimisti nel lungo termine e pessimisti nel breve. Una sorta di strabismo che ha le radici nella nostra “avversione al rischio”. Come è possibile ipotizzare e lavorare per l’innovazione tecnologica e organizzativa? Siamo nel pieno di una rivoluzione tecnologica e al cambio di passo nell’economia mondiale. Ripeto sempre che il mondo negli ultimi 15 anni è cresciuto a ritmi che non ha mai conosciuto prima. Ritengo che stia crescendo molto bene: stanno crescendo molto le aree povere e poco le aree ricche. Se fossimo esterni al nostro globo, probabilmente diremmo che finalmente abbiamo...